o
disciplinemusicali1730x484

L' ACCADEMIA MUSICALE

DI TREVIGLIO

Perchè è importante lo studio della musica

La formazione musicale è stata collegata alla capacità di ragionamento spazio-temporale. (Vale a dire la capacità di leggere una mappa, puzzle messo insieme, formare immagini mentali, trasformare / visualizzare le cose che si dispiegano nello spazio, nel tempo, e riconoscere le relazioni tra gli oggetti. Queste competenze sono spesso utili nel campo della scienza e della matematica.)

I simboli musicali, la struttura, e la formazione ritmico utilizzano frazioni, rapporti e proporzioni, che sono importanti nello studio matematico.

Aumenta la capacità logica e la capacità di pensiero come l'analisi, la valutazione e il legame / organizzazione delle idee

Ottimizza lo sviluppo del cervello dei neuroni e circuiti

Sostiene lo sviluppo motorio in particolare il coordinamento delle mani, gli occhi e il corpo

L' attività di gruppo o in orchestra contribuisce a promuovere la cooperazione, l'armonia sociale e di insegnare ai ragazzi la disciplina, mentre lavorano insieme verso un obiettivo comune.

La Musica aumenta la memoria.

Fa aumentare i punteggi dei test, diminuisce l'ansia da prestazione, e insegna ai bambini come gestire lo stress durante gli esami standardizzati

Aiuta i bambini ad affrontare emozioni negative in modo positivo

Aumenta il pensiero creativo

L'esecuzione musicale è collegata all' autostima; i bambini imparano a raggiungere i loro migliori risultati

Migliora la comprensione dei compiti a casa e consente più elevati livelli di concentrazione

I bambini che studiano musica in genere hanno un atteggiamento migliore, sono più motivati e meno intimiditi a imparare cose nuove

HOMErgb
cervellomusica

Alla North Western University di Chicago, un gruppo di ricercatori diretti da Nina Kraus ha studiato soggetti di diverse età, che avevano imparato la musica da piccoli oppure che non l’avevano mai imparata. Ebbene registrando le reazioni cerebrali a vari suoni si è visto che le persone con un esperienza musicale precoce, anche se poi abbandonata in anni successivi, mostravano risposte molto più chiare e definite di chi invece non aveva alcuna esperienza.Come se la musica avesse stimolato il cervello nella fase di maturazione, durante l’infanzia,  a stabilire connessioni molto più  efficaci per elaborare i suoni in arrivo dal mondo esterno.